Logo Associazione di Agraria.orgTerrAmica
Sei in: Associazione di Agraria.org » Statuto

Statuto

Titolo I - Disposizioni generali

 

Art.1 (Denominazione)

E' costituita con il nome “Associazione di Agraria.org”, una Associazione senza scopo di lucro, indipendente, aconfessionale, apartitica, che persegue esclusivamente il fine di solidarietà sociale mediante la diffusione delle conoscenze in campo agrario e forestale e la promozione della formazione agricola, zootecnica, forestale ed ambientale. L’Associazione è regolata dalla normativa di cui al Codice Civile e dal presente Statuto.

Art.2 (Sede)

L'Associazione ha sede legale in via del Gignoro 27, Firenze (FI).

Titolo II - Finalità dell'Associazione

 

Art.3 (Finalità)

L’Associazione è costituita per perseguire le seguente finalità:

  • favorire l’inserimento nel modo del lavoro di giovani diplomati e laureati nel settore agrario e veterinario;
  • incrementare e diffondere le conoscenze riguardanti pratiche agricole ed agro-alimentari sia a scopo amatoriale che professionale;
  • diffondere conoscenze di specifici ambiti agro-forestali anche a non esperti del settore;
  • promuovere la cultura contadina in Italia;
  • fornire agli operatori del settore agricolo adatti strumenti di comprensione e risoluzione delle principali problematiche legate alla produzione agricola italiana e mondiale;
  • fornire mezzi ed occasioni di scambio di idee e conoscenze legate al mondo dell’agricoltura;
  • supportare gli agricoltori o i nuovi imprenditori in questo settore, nella promozione della loro attività, anche grazie alla diffusione della vendita diretta;
  • promuovere la filiera corta in Italia ed i prodotti dell’agro-alimentare italiano;
  • favorire le azioni di tutela delle razze di interesse zootecnico italiane a limitata diffusione e le produzioni agroalimentari tipiche.

L’Associazione opera in stretto accordo con Agraria.org (www.agraria.org, www.forumdiagraria.org, www.rivistadiagraria.org, Aziende.agraria.org, Allevamenti.agraria.org, Professioni.agraria.org, Agriturismo.agraria.org e altri) a cui fa riferimento per la divulgazione attraverso la rete internet delle iniziative promosse dall’Associazione stessa.

Art.4 (Attività istituzionali)

Per il conseguimento delle finalità di cui all'art. 3 del presente statuto, l’Associazione svolge le seguenti attività istituzionali in Italia e nell’Unione Europea:

  • promozione e sostegno delle attività di divulgazione nel settore agricolo, zootecnico e dell’ambiente anche con riviste, libri e pubblicazioni;
  • attività di formazione (corsi, partecipazione a progetti comunitari) per favorire l’inserimento dei giovani diplomati e laureati del settore nel mondo del lavoro;
  • collaborazione alla ricerca scientifica e consulenze tecnico scientifiche nel campo agricolo, zootecnico e dell’ambiente;
  • collaborazioni con Istituti Agrari, Università, ed Enti e Istituti di ricerca che operano nel settore;
  • attività di educazione e sensibilizzazione finalizzate alla conoscenza ed alla tutela delle razze autoctone;
  • promozione dell'organizzazione di corsi di formazione a scopo didattico e/o hobbistico e di sensibilizzazione sulle problematiche inerenti l’agricoltura, la zootecnia e l’ambiente;
  • promozione della partecipazione attiva di tutti i soci  ai suoi programmi.

Art.5 (Strumenti)

Nel perseguimento delle sue attività istituzionali, l’Associazione utilizza i seguenti strumenti:

  • programma, sviluppa ed esegue campagne, progetti, studi e ricerche nel campo agricolo, zootecnico e ambientale;
  • raccoglie fondi da destinare al finanziamento delle attività istituzionali da tutte le fonti coerenti con i fini statutari, incluse le quote di iscrizione all'Associazione, le donazioni individuali e di persone giuridiche, i finanziamenti di enti pubblici e privati e di organismi nazionali ed internazionali per i programmi, le entrate derivanti da attività connesse a quelle istituzionali, i legati e i lasciti testamentari;
  • stabilisce o crea collaborazioni e alleanze con enti, associazioni, organizzazioni, istituzioni e quanti altri perseguano gli stessi scopi;
  • organizza corsi di formazione per il raggiungimento delle finalità statutarie e coordina e promuove attività di educazione ambientale anche coinvolgendo tecnici, professionisti, docenti ed educatori.

Per il perseguimento degli obiettivi, l’Associazione  si rivolge al network Agraria.org (www.agraria.org, www.forumdiagraria.org, www.rivistadiagraria.org, Aziende.agraria.org, Allevamenti.agraria.org, Professioni.agraria.org, Agriturismo.agraria.org e altri) per sviluppare e utilizzare il canale internet.

Titolo III - I Soci

 

Art.6 (Ammissione - Categorie di soci)

Coloro che condividono le finalità dell’Associazione possono diventare Soci e portare il proprio contributo, secondo disponibilità e capacità, alle scelte e alle attività dell'Associazione.
I soci si distinguono in:

  • aventi diritto al voto (Ordinari)
  • non aventi diritto al voto (Sostenitori)
  • non aventi diritto al voto e dispensati dal pagamento della quota associativa (Onorari)

Il Consiglio Direttivo stabilisce la quota minima associativa di ciascuna categoria.
I Soci Onorari sono eletti dal Consiglio Direttivo su proposta di uno o più membri del Consiglio stesso, tra persone o Associazioni che si sono distinte per la loro opera nei confronti dell’Associazione o che operano nel mondo dell’agricoltura apportandovi notevoli progressi e innovazioni. Gli associati onorari sono dispensati dal versamento delle quote sociali. Possono essere nominati soci onorari persone fisiche, associazioni, istituzioni e/o enti.
L’ammissione a Socio Ordinario è riservata al giudizio insindacabile del Consiglio Direttivo. Per l’ammissione a Socio Ordinario è necessario essere maggiorenni; il candidato deve essere presentato al Consiglio Direttivo da almeno 3 Soci Ordinari.
Tutti i Soci Ordinari possono essere eletti alle cariche associative e hanno il diritto di eleggere, direttamente o indirettamente, gli organi dell'Associazione e di proporre ed approvare modifiche lo statuto ed eventuali regolamenti. I Soci Ordinari hanno diritto ad un solo voto nell'Assemblea annuale.
L'adesione alla Associazione è a tempo indeterminato fatta salva la rinuncia del socio che può esprimersi anche tramite il mancato versamento della quota associativa annuale. Il versamento non crea altri diritti di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare né per successione a titolo universale.
Il Socio che tenga un comportamento in contrasto con il presente statuto ed i relativi regolamenti attuativi e con le finalità dell’associazione o che ne danneggi gravemente l'immagine può essere escluso dall'Associazione. L'esclusione è deliberata dall'Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.
Le prestazioni fornite dai soci sono normalmente a titolo gratuito, salvo che non risulti loro affidato un incarico professionale o altro incarico retribuito per delibera del Consiglio Direttivo.

Art.7 (Acquisizione della qualifica di Socio)

La qualifica di Socio si acquisisce all'atto del pagamento integrale della quota annua associativa, nel rispetto degli importi e delle modalità fissati dal Consiglio Direttivo, e dopo aver dichiarato di aver letto e accettato lo Statuto dell’Associazione.
Possono fare richiesta di ammissione all’associazione i cittadini Italiani e gli stranieri, residenti in Italia o all’estero, in possesso dei diritti civili. Il Consiglio Direttivo  si riserva di approvare le nuove adesioni.
La qualifica di socio cessa a seguito di dimissioni che potranno manifestarsi per via scritta o attraverso il mancato versamento della quota associativa annuale o a seguito di esclusione di cui all’art. 6.
L' Associazione si dota di tutti gli strumenti necessari per assicurare la cura, la tenuta e l'aggiornamento dell'elenco dei Soci, secondo quanto previsto dalla norme vigenti.

Titolo IV - Gli Organi

 

Art.8 (Indicazione degli organi)

Gli organi dell’Associazione sono:

  1. l’Assemblea dei Soci;
  2. il Consiglio Direttivo;
  3. il Presidente e il Vice Presidente;
  4. il Collegio dei Revisori dei Conti.

Art.9 (Assemblea dei Soci)

L'Assemblea dei Soci è indetta in sessione ordinaria almeno una volta l’anno per l’approvazione dell’attività, del bilancio consuntivo e preventivo e, in sessione straordinaria, per la nomina dei membri del Consiglio Direttivo; hanno diritto di partecipare tutti i Soci Ordinari, Sostenitori e Onorari mentre  hanno diritto di voto solo i Soci Ordinari.
L’assemblea è indetta in sessione straordinaria ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno o ne sia fatta richiesta scritta da almeno la metà dei Soci Ordinari.
La convocazione dell'Assemblea dei Soci, sia in sessione ordinaria sia in sessione straordinaria, è fatta dal Presidente dell’associazione  a mezzo di avviso pubblicato nel periodico dell’associazione e/o via email; contiene l'ordine del giorno, il luogo, la data e l'ora di adunanza, anche di un'eventuale seconda convocazione, almeno quindici giorni prima della data fissata. Ogni Socio Ordinario ha diritto ad un solo voto, senza possibilità di delega dello stesso a terzi.

Art.10 (Funzioni)

L'Assemblea dei Soci:

  • approva le modifiche allo Statuto, all'Atto costitutivo e ratifica i regolamenti elaborati dal Consiglio Direttivo;
  • approva il bilancio annuale consuntivo e la relazione del Presidente;
  • approva il bilancio preventivo e la relazione del Presidente;
  • indica le linee generali di indirizzo delle attività dell’Associazione;
  • delibera in merito all’elezione del Collegio dei Revisori dei Conti, come previsto dall’art.14 del presente Statuto;
  • nomina i membri del Consiglio Direttivo;
  • delibera sulle proposte di esclusione dei Soci;
  • approva lo scioglimento dell'Associazione.

L'Assemblea dei soci è presieduta dal Presidente dell’Associazione. Le deliberazioni sono valide qualunque sia il numero degli intervenuti. Per modificare lo Statuto è necessario il voto favorevole dei tre quarti dei soci ordinari.
Non è possibile inserire punti all'ordine del giorno dell'Assemblea oltre quelli pubblicati all'atto dell'avviso di convocazione.

Capo II - Il Consiglio Direttivo

Art.11 (Composizione, durata, regole di funzionamento)

Il Consiglio Direttivo è composto da 5 Soci Ordinari eletti dall’Assemblea dei soci. Il Consiglio dura in carica tre anni.
Il Consigliere che intende recedere dall'incarico di Consigliere o dimettersi da altre cariche statutarie previste nel presente Statuto deve comunicare per iscritto il proprio proposito al Presidente. Il recesso e le dimissioni hanno effetto al momento dell'accettazione da parte del Consiglio Direttivo, comunicata tramite il Presidente.
Un consigliere decade altresì e viene sostituito, nella prima seduta utile, dal primo dei candidati non eletti, quando mette in atto un comportamento gravemente lesivo degli interessi e del prestigio dell'Associazione o del Consiglio stesso o degli organi statutari; la decadenza viene pronunciata dal Presidente sentito il Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno 3 volte all'anno su convocazione del Presidente o quando lo richiedano la metà più uno dei Consiglieri. Le sue riunioni sono valide se è presente più di metà dei componenti.
Le deliberazioni vengono prese a maggioranza dei presenti, salvo che sia diversamente stabilito nel presente Statuto. In caso di parità prevale il voto di chi presiede la riunione.

Art.12 (Funzioni)

Il Consiglio Direttivo è responsabile della gestione, dell'amministrazione e dell'immagine dell’Associazione, ne stabilisce la missione, la politica e il programma. In particolare:

  • elegge tra i propri membri il Presidente e il Vice Presidente;
  • può costituire commissioni speciali consultive, ne nomina il Presidente ed i membri che devono essere iscritti all’Associazione;
  • può costituire un Comitato Scientifico, ne nomina il Presidente ed i membri che devono essere iscritti all’Associazione;
  • nomina un Segretario, e può revocarne la nomina, a maggioranza qualificata dei 2/3 dei componenti;
  • predispone il programma di attività, affinché sia conforme alle finalità statutarie e al raggiungimento della missione, ne indica le fonti di finanziamento e ne verifica l'attuazione;
  • determina la politica e i criteri della raccolta fondi e della comunicazione;
  • sovrintende i rapporti con altre Associazioni e Organizzazioni nazionali e internazionali, con gli organi istituzionali dello Stato;
  • controlla che l'amministrazione dell’Associazione sia aderente ai principi di buona gestione ed in particolare che il programma di attività risulti finanziabile nei termini del bilancio preventivo, sia commisurato alle fonti di entrata e rispetti il principio di equilibrio delle risorse finanziarie;
  • controlla che il bilancio consuntivo corrisponda al preventivo o a precise delibere integrative del Consiglio stesso;
  • controlla la correttezza dell'operato del Segretario per quanto riguarda la legalità degli atti e la buona amministrazione dell’Associazione;
  • elabora i regolamenti da sottoporre alla ratifica dell'Assemblea dei soci;
  • stabilisce l'ordine del giorno dell'Assemblea dei soci;
  • stabilisce la Quota Sociale minima per categoria di soci;
  • delibera sull’ammissibilità dei Soci Ordinari;
  • accetta e destina le donazioni, le eredità, i legati e i lasciti e le sopravvenienze attive.
  • si riserva il diritto di assunzione di personale.

Il Consiglio svolge un ruolo di rappresentanza ed anche i singoli componenti sono tenuti, su delega del Consiglio stesso o del Presidente, a rappresentare dell’Associazione nelle occasioni e nei luoghi opportuni.

Capo III - Il Presidente e il Vice Presidente

Art.13

Il Consiglio Direttivo elegge al proprio interno il Presidente e il Vice Presidente che sono pure Presidente e Vice Presidente dell’associazione. Il Presidente e il Vice Presidente durano in carica tre anni. Il Presidente è il rappresentante legale dell’Associazione.
Il Presidente convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea dei Soci, ne predispone i rispettivi ordini del giorno e ne garantisce il corretto svolgimento. Svolge tutte le funzioni delegate dal Consiglio Direttivo coadiuvato dal Vice Presidente.
Nel caso di assenza o di impedimento del Presidente i suoi poteri sono esercitati dal Vice Presidente.
Il Consiglio Direttivo può nominare un Presidente onorario tra le personalità che hanno sostenuto e condividono gli ideali dell’Associazione.

Capo VII - Il Collegio dei Revisori dei Conti

Art.14

La nomina del Collegio dei Revisori dei Conti è a discrezione dell’Assemblea dei soci, dura in carica tre anni ed ha il compito di controllare la corretta gestione amministrativa dell’Associazione.
Il Collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri, scelti tra persone di particolare competenza in materia contabile e gestionale, che non devono necessariamente appartenere all'Assemblea degli associati.

Capo VIII - Segretario

Art.15

Il Segretario, nominato dal Consiglio Direttivo, risponde al Consiglio Direttivo e può essere membro del medesimo. È responsabile del controllo e della gestione del bilancio.
Assicura la migliore gestione del patrimonio, delle risorse umane e dell’immagine dell’associazione secondo le direttive del Consiglio Direttivo.
Opera per facilitare e consentire il corretto funzionamento degli organi dell’associazione secondo le indicazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo.

Titolo V - Le risorse economiche

 

Art.16 (Indicazione delle risorse)

Le risorse economiche dell'Associazione sono costituite da:
a) quote e contributi dei soci;
b) eredità, donazioni e legati;
c) contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di enti o istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;
d) contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali;
e) entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
f) proventi delle cessioni di beni o servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
g) erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
h) entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni a premi.

Le attività di pubblicazione di riviste periodiche e di altri strumenti informativi e di realizzazione di servizi per i consumatori e gli associati, utili al perseguimento degli scopi statutari, possono essere organizzate dall'associazione in collaborazione, anche in forma societaria, con altri soggetti aventi natura e scopi analoghi ai propri, o nelle altre forme consentite dalla legge.

Art.17 (Patrimonio)

Il patrimonio dell'Associazione è costituito da beni mobili ed immobili. Gli avanzi di gestione sono destinati ai soli scopi istituzionali con esplicito divieto di distribuzione ai soci o a terzi.
Le eventuali disponibilità finanziarie possono essere investite in buoni del tesoro o postali, qualora il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno.

Art.18 (Esercizio finanziario)

L'esercizio finanziario ha inizio il 1° Gennaio e termina il 31 Dicembre di ogni anno. Il bilancio deve essere depositato presso la sede sociale a disposizione dei Soci almeno quindici giorni prima dell'Assemblea dei Soci convocata per l'approvazione del bilancio.

Titolo VII – Norme finali

 

Art.19 (Scioglimento)

L’Associazione ha durata illimitata. Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dall'Assemblea con il voto favorevole di almeno tre quarti dei componenti; contestualmente l'Assemblea provvede alla nomina di uno o più liquidatori, preferibilmente tra gli amministratori, e delibera in merito alla devoluzione del patrimonio.
Il patrimonio dell'Associazione, in caso di scioglimento, cessazione o estinzione, sarà comunque devoluto ad attività con fini di utilità sociale conformi alle finalità dell’Associazione stessa.

Art. 20 (Norme accessorie)

Per tutto quanto non previsto espressamente dal presente Statuto si rimanda alla normativa vigente in materia.

Seguici anche su Facebook!

LetoCMS ® - Software Open Source elaborato da Ivano Culmine